.
Annunci online

COMMENTO AL RISULTATO DELLE ELEZIONI POLITICHE IN ITALIA

Esce dalle urne un risultato ricco di interessanti risvolti da analizzare. Berlusconi vince, ma è attribuito alla Lega Nord un peso politico assolutamente determinante che sottoporrà il nuovo Esecutivo a non poche fibrillazioni su questioni di grande interesse nazionale, dalle dinamiche del processo di integrazione europea alle politiche per il Mezzogiorno, dalle questioni della sicurezza e dell’immigrazione alla complessa vertenza Alitalia. I decisivi Senatori di Bossi condizioneranno, in maniera preoccupante e decisiva, il Governo, con il rischio di un progressivo scivolamento di questo su posizioni estremistiche, identitarie, demagogiche.

Il Pdl, mero cartello elettorale nato un mese prima del voto, dovrà fare i conti con le tante anime dentro e fuori di esso. Il movimento di Dini, quello di Giovanardi, Italiani nel Mondo di De Gregorio e la Nuova Dc di Rotondi, AN, il Partito Repubblicano di Nucara e quello della Mussolini: insomma, un caravanserraglio che di politico non ha proprio nulla, e che dovrà vedersela anche con le velleitarie mire autonomistiche dell’MPA di Raffaele Lombardo.

Nel campo del centro sinistra, il Pd si conferma una positiva intuizione: l’unica vera novità di queste elezioni politiche che raccoglie molti più voti della somma di Ds e Dl.

L’elettorato, premiando il Pd, la sua semplicità di messaggio, il suo coraggio, la sua libertà, ha mostrato di apprezzare la sfida che abbiamo voluto condividere con il Paese fin da subito: un partito, un programma, un leader, un gruppo parlamentare, per consentire all’Italia di rimettersi a correre.

A Veltroni dunque non va solo un forte ringraziamento ma anche un pieno sostegno ad andare avanti sulla strada intrapresa appena da qualche mese.

Socialisti e Sinistra Arcobaleno perdono consenso e non sono più rappresentati in Parlamento: è un segnale che ribadisce quanto radicato sia, nell’opinione pubblica, il desiderio di chiarezza e semplificazione. Ma con Socialisti e Sinistra Arcobaleno, come con l'UDC, sarà utile aprire un dialogo e un confronto a partire dai programmi e dai territori.

Nel Parlamento il Pd dovrà dare rappresentanza agli interessi dei lavoratori, dei giovani, dell’ambientalismo più moderno e noi, che non siamo un partito moderato, vogliamo e possiamo farlo, a partire dal lavoro di consolidamento della nostra forza nei territori.

Dobbiamo ripartire dall'obiettivo primario del Pd: migliorare il Paese e renderlo competitivo in una situazione internazionale assai difficile. Per l'unificazione del Paese serve un'attenzione prioritaria al Mezzogiorno. Nel Sud a dispetto del consenso registrato dal Pdl c'è da raccogliere una domanda di riformismo e di dignità meridionalista che è presente ben al di là del voto conseguito dal Pd.

Nel Sud, solo in Basilicata il Pd mantiene un consenso maggioritario e ciò premia la sua classe dirigente e la sua capacità di governo manifestata, nonostante una campagna di ostilità senza precedenti.

Ma l'area riformista del Mezzogiorno è ben più ampia e va riorganizzata con pazienza e con determinata convinzione.

Esprimo infine un vivo apprezzamento per l'ottimo risultato raggiunto dal Pd nelle 4 circoscrizioni all'estero, e sottolineo la bella e grande affermazione di Laura Garavini che con le oltre 25.000 preferenze ottenute, è risultata la candidata più votata in Europa.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  
marzo        maggio
Innamorato della politica come passione civile, entro giovanissimo nella Federazione Giovanile Socialista, di cui divento segretario regionale e membro della direzione nazionale.
Feed RSS di questo blog Reader

Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte